Come Risparmiare su un’ Assicurazione per AUTO



In Italia le assicurazioni per i veicoli sono le piú care d’Europa. Da noi si spende mediamente il 45% in piú, rispetto anche a Paesi che hanno stipendi piú alti come Germania e Svezia (fonte il Sole 24 Ore). I motivi non sono chiari, o meglio il sospetto che le compagnie assicurative ci lucrano è forte. Il prezzo è inoltre largamente influenzato dalla città di residenza del sottoscrittore della polizza. 

A Napoli una copertura assicurativa per un auto può costare anche 3 volte in piú rispetto ad un cittadino che vive a Bolzano. Le compagnie si difendono sostenendo che nel sud Italia i sinistri e le frodi assicurative sono molto maggiori. Il movimento 5 stelle sta portando avanti una proposta di legge (Rc Auto Equa) per ottenere sconti indipendentemente da dove si vive per gli automobilisti che non fanno sinistri da 5 anni. Le lobby però fanno muro e la proposta non  è ancora diventata legge. Nel frattempo dobbiamo accontentarci di queste tariffe e Anche se i preventivi sono molto cari ci sono però modi per risparmiare sul preventivo finale su una polizza.

risparmiare assicurazione auto

Possiamo ottenere degli sconti, anche considerevoli, conoscendo alcune cose. E’ quello che spiegheremo oggi in questo articolo. Leggetevelo bene, soprattutto prima di acquistare un auto. Tra bollo e assicurazione rischiate un salasso annuale, è bene farvi i conti prima.

Recuperare la classe di merito di un auto di un familiare

si tratta della famosa Legge Bersani entrata in vigore nel 2007. Possiamo ottenere la classe di merito di un veicolo, auto o moto, di un componente del nucleo familiare. In pratica se nostro padre è in classe 1 e vive con noi, possiamo avere anche noi la stessa classe di merito su una nostra auto. Questa regola non vale se i veicoli sono diversi, ovvero non si può passare la classe da una macchina ad una moto.

Attenzione, perchè quando fate dei preventivi vi viene chiesto se l’auto ha usufruito della legge Bersani, in caso positivo spendete un po’ di piú sul preventivo finale. O meglio le assicurazioni tengono conto di questa cosa.

Come risparmiare sull’ assicurazione

Le compagnie assicurative online hanno permesso a milioni di italiani di risparmiare. Fatevi un bel giretto sul web e confrontate i vari preventivi che possono variare anche di parecchie centinaia di euro. Dovete avere a portata di mano la targa dell’ auto oppure il modello e la classe di merito, ovvero la classe da cui provenite.

Per stipulare una polizza non c’è bisogno piú dell’ attestato di rischio, visto che nel database dell’ Ania è già presente la vostra storia assicurativa, insomma sanno tutto di voi. Ultima novità, dal 18 ottobre 2015 non c’è nemmeno piú bisogno di esporre il talloncino dell’ assicurazione sul vetro dell’ auto. Anche in questo casa basta la targa dell’ auto ad un poliziotto o vigile per sapere se quel veicolo è assicurato.

Per far calare il prezzo finale del preventivo possiamo:

  • abbassare i massimali al limite consentito di legge: i massimali rappresentano quanti soldi la compagnia può arrivare a pagare in caso di sinitro. Si tratta di importi molto alti, ad esempio 10 milioni e passa di euro. Portarli al minimo ci fa risparmiare.
  • Eliminare la tutela legale: altri soldi risparmiati.
  • Togliere l’assicuraizione sul conducente: lo sapevate che l’unico “non assicurato” siete voi che protate la macchina. Io non toglierei mai questa voce, ma potete farlo risparmiando una cinquantina di euro.
  • Eliminare il soccorso stradale.

Le cose che fanno aumentare il preventivo di una polizza assicurativa

  • piú una macchina o una moto ha una cilindrata alta e piú spenderemo. O meglio ci si rifà ai cavalli fiscali, direttamente proporzionali alla cilindrata. Attenzione ad acquistare auto vecchie con un prezzo allettante come Mercedes o Bmw che hanno 100 cv, date un’occhiata a quanto spenderete in assicurazione prima di procedere all’ acquisto.
  • alimentazione dell’ auto: le auto alimentate a metano o gpl pagano di piú. Gli assicuratori dicono : “se hai una macchina a gas è perchè fai tanti Km e quindi maggiori rischi di sinistri“.
  • I passaggi di proprietà. Non si capisce perchè ma è cosi. Una macchina nuova di 10 anni paga meno di una che ha avuto piú proprietari. Fate una prova: quando compilate un preventivo online vi viene chiesta la data di immatricolazione e la data di acquisto. In quest’ultimo caso ci chiedono la data dell’ ultimo passaggio di proprietà. Noterete una differenza sostanziale di prezzo a scapito di quest’ultima opzione. Questa cosa penalizza fortemente il prezzo finale.
  • la residenza: torniamo sull’ esempio iniziale. Chi abita a Bari paga di piú di un automobilista residente a Bolzano o a Trento. Addirittura qualcuno ha pensato bene di spostare la residenza in altre parti d’ Italia o addirittura all’ estero (vedi sotto il caso della Romania).

Assicurare l’auto in Romania

Quante auto con targa romena o bulgara si vedono in Italia. Il bello è che non sempre sono guidate da stranieri ma da persone italianissime. La legge italiana dice che se si è residente da piu’ di 12 mesi in Italia la targa del veicolo deve essere ITALIANA, articolo 132 codice della Strada.

Cosa succede però se l’auto usata la facciamo intestare ad un romeno oppure abbiamo un amico che abita all’ estero e gli intestiamo l’auto? Si può fare ed è tutto regolare. Si risparmia tantissimo, non solo con l’assicurazione ma anche con bollo auto.

Ecco cosa dobbiamo fare per portare la nostra auto in Romania:

  • vendere l’auto con atto notarile in Romania ed entro 60 gg fare la nuova immatriolazione.
  • portare l’auto alla RAR ( Registrul Auto Roman )  in Romania. Controlleranno l’auto e rilasceranno i documenti per immatricolarla.
  • lasciare l’auto in Romania per 1 anno e successivamente consegnare all’ Aci documenti e targhe.
  • Pagare il nuovo bollo il Romania, qui possiamo calcolare quanto si paga.
  • L’auto è pronta per circolare anche in Italia

 

Se ti è piaciuto Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

2 Risposte

  1. francesco bivio ha detto:

    avevo letto dei commenti su come risparmiare sull’ assicurazione con la scatola nera, vorrei saperne di piú grazie

  2. admin ha detto:

    sì, il montaggio della cosiddetta “scatola nera” fa risparmiare sul premio assicurativo l’anno. E’ un box che si monta internamente, dotato di gps permette di monitorare i km percorsi l’anno ed eventuali incidenti fasulli. Si risparmia il 30% al netto delle spese di installazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.