Come Risparmiare sui Libri di Scuola le Offerte

A settembre come ogni anno si torna sui banchi di scuola. I genitori sono di nuovo alle prese con spese da mettere in conto sul budget familiare. Il corredo scolastico costa e nemmeno poco. C’è da acquistare uno zainetto, l’astuccio, la cancelleria, ma soprattutto i libri. Ce la caviamo se si tratta di bambini delle elementari i cui testi molto spesso vengono forniti in maniera gratuita dalle Regioni o Comuni. Per quel che riguarda medie e soprattutto superiori il prezzo sale. Oggi vediamo come è possibile risparmiare sui libri scolastici con le varie offerte che presenta la rete.

libri_scolastici_offerta

Se optiamo per l’acquisto online possiamo approfittare dell’ offerta Amazon sui libri di scuola 2015-2016. L’acquisto è scontato del 15% su ogni testo e le spese di spedizione sono gratuite se si supera un importo di 19 euro. Per conoscere quali testi sono stati adottati dal proprio istituto basta dare un’occhiata a questo link ed inserire il nome della propria scuola con la classe di appartenenza.

Conad invece vi restituisce il 20% della spesa per l’acquisto dei libri, il 25% se si è titolari di tessera fedeltà, ma non si tratta di soldi ma di buono spesa da spendere entro il 30 novembre 2015 nei loro supermercati. Stessa cosa avviene nella Coop, Auchan, Simply e altre catene di supermercati. Esselunga invece li sconta direttamente del 15%.

In alcune Regioni, come detto, i libri sono gratuiti, almeno quelli delle scuole primarie. E’ il caso del Lazio, mentre in Emilia Romagna possono ottenere i “buoni libro” le famiglie che hanno un Isee dell’ anno precedente inferiore a 10632,94 euro. Anche i Comuni forniscono i libri in maniera gratuita, come il caso di Torino con le cedole librarie. Insomma informatevi presso le segreterie comunali della vostra zona di residenza oppure regionali.

Ci si può altrimenti organizzare con l’usato. Da sempre i ragazzi sono alle prese con i mercatini di compravendita dei libri usati. Il problema è l’aggiornamento. Le case editrici per evitare che si eviti di acquistare i libri nuovi, aggiornano annualmente i testi. In questo caso è nella sensibilità dei professori accettare anche magari vecchie edizioni per lo studio, che spesso mancano solo di qualche nuova pagina. I ragazzi poi integrano le novità dei libri facendo una foto alla pagina mancante, il gioco in questo caso è risolto.Ma non solo.

 

libri_scolastici

libri_scolastici

 

I libri ora si appoggiano anche allo studio online. Sui siti delle case editrici ci sono quiz ed integrazioni a cui si può accedere tramite un codice fornito con l’acquisto del “nuovo”. Insomma i bastoni tra le ruote vengono sempre messi quando si tratta di risparmiare.

Le fotocopie come sappiamo sono vietate, o meglio, la Cassazione in una recente sentenza ha stabilito che per uso personale si può fotocopiare fino al 15% del libro. Come fanno a controllare che copiamo più del 15% questo è proprio difficile. E’ reato invece fotocopiare un testo universitario o non per fini commerciali.

 

Se ti è piaciuto Condividi...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Una risposta

  1. Antonella R. Imola ha detto:

    per fare un po’ di polemica: è mai possibile che dentro lo zaino di mio figlio per la scuola della prima elementare ci siano ben 3 libri di religione alti insieme come un’enciclopedia e un libricino di inglese? Andiamo avanti così

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.