Comprare Online dalla Cina Conviene?



Acquistare un prodotto proveniente dalla Cina è diventato semplicissimo. Su Internet esistono moltissimi portali che si occupano della vendita. Possiamo comprare di tutto, c’è un assortimento incredibile, si va dall’ abbigliamento all’elettronica, dai trucchi ai gioielli passando per le cose di casa, accessori per le auto e moto. Insomma un gran bazar. Le problematiche però sono diverse. Prima di completare un acquisto che proviene dalla Cina molti consumatori si fanno un sacco di domande. C’è da fidarsi? La merce si rompe? Quanto pago di spedizione? Quanto dovrò attendere? Mi fanno pagare la dogana?

In effetti i punti interrogativi sono tanti, con questo articolo proveremo a rispondere a tutti i quesiti cercando di capire quali sono i migliori venditori di prodotti cinesi, come spediscono e se sono affidabili.

Perchè si compra online dalla Cina

lo facciamo ovviamente per il prezzo, ci sono prodotti che costano anche la metà se non di piú. Chi è che frequenta i negozi cinesi in Italia sa di cosa stiamo parlando. Hanno un sacco di cose a dei costi irrisori. La vastità della merce offerta è un’altra caratteristica che li rende appetibili. Gli store online sono enormi è hanno veramente cose di difficile reperibilità. In alcuni casi possono trovarvi degli oggetti a richiesta, ovvero farveli su misura in base alle vostre esigenze. D’altronde la mano d’opera è veramente bassa.

migliori negozi cinesi online

Cosa controllare prima di acquistare

Per prima cosa dobbiamo individuare un venditore online affidabile, che sappia fare bene il proprio lavoro e non risparmi sull’ attenzione e le esigenze dei clienti.Quasi tutti i portali hanno una sezione tradotta in italiano oppure in inglese, ma a volte questa è fatta talmente male che è meglio lasciar perdere e utilizzare le pagine Web direttamente in un’altra lingua, magari si capisce di piú.

Se è la prima volta che acquistate un prodotto proveniente dalla Cina, iniziate con oggetti che costano poco per familiarizzare con le varie procedure e testare i diversi sistemi di spedizione, che vanno da quello gratuito (un po’ piú lento ad arrivare, anche 50 giorni) fino ai più costosi corrieri espresso via aerea. È praticamente d’obbligo avere un conto PayPal o una carta di credito (magari ricaricabile e da utilizzare solo per gli acquisti online, per correre meno rischi).

Se volete comprare uno smartphone cinese piú sotto abbiamo realizzato una paragrafo a parte. Molti li scelgono perchè hanno un rapporto prestazioni/prezzo particolarmente buono. Nel caso di oggetti del valore superiore ai 100-150 euro comunque valutate bene i rischi, visto che un intervento in garanzia con restituzione al venditore può non essere affatto conveniente.

I Migliori negozi cinesi online

Aliexpress: fa parte del gruppo Alibaba, il piú grande di tutti. Alibaba è orientato al B2B ovvero mette in contatto grandi venditori italiani con grandi produttori cinesi. In questi casi comprate in stock. Aliexpress vende anche un singolo oggetto. Ha tantissimi venditori e la scelta è sconfinata. Scegliete quello con molti feedback e andate abbastanza sul sicuro, l’unico inconveniente è che non accetta PAYPAL, ci sono comunque tantissime altre forme di pagamento con carta di credito.

Gearbest: è uno degli store più famosi e affidabili, con ampio assortimento, smartphone compresi. Ha il vantaggio di accettare PayPal. Ha un magazzino europeo che permette di spedire molto piú velocemente e di non farvi pagare dazi doganali per prodotti costosi, putroppo però il magazzino UE non è fornitissimo.

Banggood: è consigliato soprattutto se siete alla ricerca di componenti elettronici. Ha prezzi convenienti e un’ampia scelta. Generalmente affidabile, anche in questo caso ha un magazzino europeo discretamente fornito.

Honorbuy: è specializzato nella vendita di smartphone, ha il grosso vantaggio di avere un magazzino italiano (niente Iva e dogana, quindi) e di accettare PayPal. È affidabile e veloce anche se i prezzi non sono tra i più bassi.

Geekbuying: ha un ampio ventaglio di prodotti, è nato da relativamente poco tempo ma si è dimostrato già affidabile. Accetta PayPal e ha offerte periodiche interessanti. Ha anche un magazzino in Italia.

DealExtreme: è stato uno dei primi ad aprire i battenti nella vendita online di prodotti made in China, potete trovare qualsiasi cosa vi serva, supporta PayPal, ha prezzi molto bassi e ha un’ampia scelta di metodi di spedizione (la spedizione base gratuita è però lenta).

Lightinthebox: tanti piccoli oggetti e la svendita in corso sono i punti forti di questo store “Amazon cinese”. Anche in questo caso possibilità di ricevere piccoli prodotti senza pagare le spese di spedizione.

La spedizione quanto ci mette e quanto costa

la problematica principale è la spedizione di una merce che arriva da un paese così lontano. Le merci made in China viaggiano con i container delle navi oppure via aerea. Nel primo caso il prezzo è piú basso, ma la spedizione è lenta, anche due mesi possono passare, mediamente 30-45 giorni. Nel secondo caso possiamo ricevere il prodotto anche nel giro di una settimana, a costi ovviamente piú alti.

CHINAPOST: La spedizione base tramite China Post avviene solitamente per via aerea ed è quella gratuita. È normalmente tracciabile e impiega dai 20 ai 40 giorni ad arrivare in Italia, più i tempi di smistamento nazionale che possono essere di 7-15 giorni. Spese: gratis. I venditori hanno accordi e si rifanno sul prezzo del prodotto che è piú alto.

EMS: si tratta del corriere standard delle Poste cinesi. Affidabile e con tempi ridotti, consegna la merce in genere nel giro di due settimane. Rimane più economico rispetto ai blasonati corrieri internazionali e il rischio di fermo in dogana è più basso. Circa 30 euro le spese di spedizione.

SINGAPORE POST: Offre un servizio più rapido ed evoluto di China Post, i tempi possono dimezzarsi e la tracciabilità è in tempo reale. Non è detto sia gratuita ma i costi sono per lo più irrisori, in genere di pochi euro, in funzione del peso e delle dimensioni del pacco.

DHL: è uno dei corrieri internazionali più utilizzati dai venditori cinesi. Veloce e molto affidabile, ha tempi di consegna molto ridotti (una settimana o anche meno) ed è l’ideale per i prodotti più costosi. Il passaggio in dogana, con applicazione di Iva e oneri, è quasi scontato.Circa 50-70 euro le spese di spedizione.

In tutti questi casi i pacchi sono tracciabili e potete sapere dove si trovano. Una volta affidato il pacco al vettore, vi sarà comunicato un codice (tracking number) che vi permetterà di rintracciare la spedizione e capire dove e in quale fase si trova. I corrieri espresso hanno una tracciatura in tempo reale, per quelli postali standard non sempre è così. Con le spedizioni postali gratuite non aspettatevi un trattamento di favore: la possibilità di danni accidentali dovuti al trasporto o di smarrimento è più elevata. La spedizione gratuita dovrebbe essere scelta solo per beni di basso costo.

 

Spese doganali

Tenete presente che qualsiasi acquisto effettuato in Cina per un valore superiore ai 22 euro è soggetto al pagamento di Iva (22%) e degli oneri doganali. In pratica ciò non sempre avviene per vari motivi; il fermo o meno in dogana dipende da tanti fattori come il valore e il tipo di merce dichiarati dal venditore o il sistema di spedizione scelto. Per oggetti di poco valore spediti via posta solitamente non ci sono costi aggiuntivi. Alcuni dichiarano sulla spedizione che si tratta di un “regalo”, “gift”, ma se il finanziere apre il pacco e si accorge che non è così, dovete pagare. In questo caso ci sono delle tabelle e vengono applicati dazi in base al tipo di prodotto e al suo valore presunto.

Come pagare

Possiamo pagare con carta di credito oppure, in alcuni casi, Paypal. Quest’ultima soluzione offre la protezione contro qualsiasi frode, in piú non dovete comunicare il numero della vostra carta di credito. Piuttosto, utilizzate una carta di credito ricaricabile da sfruttare esclusivamente per gli acquisti online e conservateci giusto un minimo di liquidità. È utile e più sicura anche per tutti gli acquisti online in Italia.

Caso particolare è Alipay, il sistema di pagamento online di Aliexpress; se usate molto lo store di Alibaba converrebbe aprire un conto.

La garanzia post vendita o se il prodotto non arriva

altro problema insormontabile è la garanzia. Pagare le spese di spedizione di un oggetto che non funziona piú per spedirlo in Cina non conviene. Molti dealer hanno adottato delle politiche di protezione variabili se il pacco viene smarrito o se arriva rotto (DoA, Dead on Arrival). Controllate sempre le clausole di protezione dell’acquirente e scegliete un venditore anche in base al tipo di servizio post-vendita che offre. Quasi sempre comunque, in caso di pacco smarrito o danneggiato, oppure in caso di invio di un prodotto errato, il venditore offre il rimborso oppure un secondo invio del prodotto, specie se il valore non è alto. Potrebbe essere richiesta documentazione comprovante il danno subito dal trasporto o l’invio di un prodotto diverso da quello ordinato (di solito basta una foto). Molto spesso, in caso di oggetto danneggiato o DoA.

Se avete comprato uno smartphone che si è rotto ed in garanzia pagate 28 euro con Poste Italiane fino ad 1 Chilo per la Cina, 42 euro se il pacco arriva a 5 Kg.PostaMail Internazionale costa 8,5 euro per peso fino a 350 grammi con dimensioni massime 30x38x2 centimetri.

Comprare uno smartphone dalla Cina

in molti sono allettati dall’acquisto di un cellulare cinese. Costano poco e sono spesso potenti, ad esempio quelli prodotti dalla XIAOMI. Se avete intenzion di comprare uno smartphone 4G in Cina dovete stare attenti a due cose. La prima è il supporto alla banda Lte a 800 MHz, chiamata anche banda 20 o banda B20, che sui modelli cinesi non sempre è presente. La seconda cosa da verificare è che il sistema operativo sia in versione internazionale e multilingua, compreso l’italiano o che possa essere modificato.


Se ti è piaciuto Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.