Costruirsi un condizionatore da soli



L’aria condizionata è entrata prepotentemente nelle nostre case tanto che ora non ne possiamo più fare a meno. Il condizionatore, infatti, è uno degli elettrodomestici più venduti, sempre più richiesto da chi non riesce a supportare l’afa estiva. I condizionatori però costano e, soprattutto, consumano molta energia elettrica, noi invece vogliamo risparmiare sulla bolletta energetica. Oggi vedremo come costruirsene uno da soli, che sia portatile, che costi pochi euro e che consumi al massimo 20 watt l’ora.

Si tratta di una soluzione ideale anche per chi non ha la possibilità di montare il motore esterno, ingombrante ed antiestetico, la cui installazione è spesso vietata per motivi di decoro urbano del condominio e per via della sua rumorosità.

Tutto quello di cui abbiamo bisogno è di un contenitore frigo termico passivo, il più capiente possibile, di un ventilatore piccolo portatile e di un raccordo rigido a gomito tutta roba che potete comprare anche online sui siti cinesi. Cose che si possono recuperare in cantina o in un negozio di bricolage. Costo totale 30 euro circa.

Guardate il video in basso, anche se in inglese è facilissimo da capire. Con una matita si prende la circonferenza del ventilatore e del raccordo a gomito, dopodichè con il trapano o con un seghetto elettrico si pratica il foro circolare dove andranno applicati ventilatore e raccordo.

All’interno del frigo termico si mette il ghiaccio, ovviamente dovete disporre di frigorifero o freezer, che avrà una durata di un bel po’ di ore. L’aria del ventilatore passa attraverso il ghiaccio, viene raffreddata e sputata fuori dal raccordo. Divertente ed ecologico. Nel video viene mostrato il termometro applicato fuori dal gomito, circa 5 gradi, un bel freddino in estate, ideale per raffreddare una piccola stanza a costo zero. Sì, perchè per questo esperimento si usa un piccolo pannello fotovoltaico che alimenta una batteria ricaricabile. Se volete collegare il ventilatore alla presa elettrica noterete che il consumo dello stesso sarà di una ventina di watt contro i 500 di un condizionatore, un bel risparmio sulla bolletta elettrica.

Se ti è piaciuto Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Una risposta

  1. Glitch ha detto:

    Sembra interessante, per lo meno è sicumente meglio di un semplice ventilatore, l’ideale però credo sia usare taniche e non blocchi di ghiaccio appunto per infilarle rapidamente e nuovamente in freezer ed effettuare così il cambio. Da valutare la durata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.