Diventare un Assistente di Volo Come si Fa



E’ sicuramente considerato uno dei lavori più belli e affascinanti del mondo, un impiego che permette di girare il mondo, guadagnare bene ed essere sempre e costantemente ammirati. Stiamo parlando dell’ assistente di volo. Si tratta del personale di cabina che lavora sull’ aereo.

In tanti vorrebbero diventare un assistente di volo per il tipo di vita che si svolge e per i posti che si possono visitare, ma le cose negli ultimi anni sono cambiate parecchio, ad ogni modo oggi vi spiegheremo quello che c’è da fare per svolgere questo lavoro.

In inglese l’assistente di volo si chiama “flight attendant“, i maschietti qualcuno li chiama “steward” all’ italiana “stuart” e le donne vengono definite anche “hostess“. Se avete preso un aereo almeno una volta nella propria vita li avrete visti in cabina.

assistente di volo lavoro

Cosa fa un assistente di volo

Vi accolgono all’ imbarco e vi salutano allo sbarco. Vi illustrano come utilizzare i giubbotti di emergenza e quali sono le uscite di emergenza. Infine vi offrono qualcosa da bere e da mangiare durante il volo, spesso a pagamento. Non confondeteli con la “condotta” ovvero con il comandante ed il primo ufficiale che sono ai comandi dell’aereo, chiusi nel “cockpit”, nella cabina di pilotaggio.

Per la legge gli assistenti di volo devono essere presenti a bordo per garantire la sicurezza dell’ aeromobile e devono essere presenti in numero di 1 ogni 50 passeggeri. Quindi se ne vedete 4 a bordo significa che quell’ aereo al massimo potrà trasportare 200 passeggeri.

Le compagnie aeree sono quindi obbligate a mettere sul proprio aereo del personale del genere.

I requisiti

per diventare un assistente di volo l’ENAC, ente che regola l’attività aerea italiana, chiede un “brevetto”, un attestato che può essere rilasciato da una compagnia aerea, vedi regolamento. L’attestato potete averlo gratuitamente se lavorate per una compagnia aerea che vi forma e poi vi farà un contratto a tempo determinato.

Alcune compagnie preferiscono prendere assistenti di volo già certificati, non devono formarli e li possono mettere subito in linea, altre invece vi formano a loro spese.

Per fare questo lavoro è richiesto l’inglese parlato e scritto ad un buon livello, alcune compagnie richiedono il livello B1 ed inoltre:

  • altezza minima 1,65 per le ragazze e 1,72 per i ragazzi
  • vista buona, anche se gli occhiali sono consentiti
  • capacità natatoria, bisogna saper nuotare
  • buone condizioni visite, viene effettuata una visita medica aeronautica
  • eventuale conoscenza di una seconda lingua straniera
  • buona presenza
  • disponibilità nel lavoro turnistico

Questi requisiti possono cambiare da compagnia a compagnia. Se andate a lavorare per Air France è chiaro che vi chiederanno il francese, oltre all’ inglese, l’italiano sarà considerata terza lingua.

Medio o Lungo raggio

i voli degli aerei si dividono in medio e lungo raggio, per chi lavora in uno o nell’ altro comparto ci sono parecchie differenze. Solitamente chi fa il lungo raggio effettua voli transcontinentali. Ad esempio Alitalia fa dormire i suoi assistenti di lungo a New York, Boston, Buenos Aires, Tokyo, Los Angeles. Chi lavora su questo settore fa soltanto 3 o 4 partenze al mese, è chiaro capire il perchè. Un volo del genere, andata e ritorno, fa registrare 20 ore di volo, 4 partenze significa fare 80 ore di volo al mese, un bel po’ calcolando che un a/v non può effettuare più di 900 ore di volo l’anno per motivi di salute.

Quanto si guadagna

le compagnie di bandiera dei vai paesi europei pagano ancora bene, nell’ ordine di 2500 euro al mese. Le compagnie low cost nostrane circa 1500-1700 euro al mese. Ma lo stipendio è molto variabile, dipende dalle ore di volo mensile e dai giorni di impiego. Normalmente ci sono 10 giorni di riposo al mese, ma in estate possono diventare anche 8 e lo stipendio può incrementarsi. Sull’ aereo è prevista anche la figura del “responsabile di cabina” che guadagna un po’ di più.

A chi fare domanda

Alitalia è stata sempre il top per coloro che volevano fare i piloti e gli assistenti di volo. La crisi che ha colpito l’ex compagnia di bandiera però ha distrutto tutti i sogni. Oggi Alitalia effettua corsi per aspiranti assistenti di volo a pagamento, non sappiamo la cifra esatta, ma non assume, è scritto chiaramente nella pagina dei corsi. Se nel futuro le cose cambieranno tenete d’occhio la pagina delle candidature.

Neos: compagnia di proprietà della famiglia Agnelli si dedica ai voli charter, ovvero ai voli affittati dai tour operator che portano orde di vacanzieri nei luoghi di villeggiatura, anche in centro America. Opera su medio e lungo raggio. Cliccate qui per inviare cv.

Meridiana-Air Italy: la compagnia sarda si è fusa con un’altra realtà low cost. Insieme ad Alitalia e Neos è l’unica compagnia italiana che fa voli di lungo raggio e quindi permette ai propri assistenti di volo di dormire fuori base, anche in altri continenti. Al momento anche loro sono in crisi con la cassa integrazione dei dipendenti, tenete d’occhio però la loro pagina di ricerca personale.

diventare hostess

Ci sono però un sacco di compagnie low cost che cercano assistenti di volo. Purtroppo lavorare per queste aziende non è il massimo. Paga bassa e soprattutto non ci sono più le soste all’ estero. Il fascino di questo lavoro era legato proprio al poter visitare posti nuovi e dormire in albergo, lontano da casa. Oggi tendono tutti a far rientrare alla base gli aerei. Ad ogni modo potete tentare ad inviare il vostro cv a:

Ryan air: la più grande compagnia low cost d’Europa con più di 300 aerei. Vi fanno il corso direttamente loro per prendere la certificazione. Date un’occhiata alla pagina di selezione del personale. Organizzano dei “recruitment days” in ogni capitale europea e potete parteciparvi inviando la candidatura da Internet.

Easyjet: altra compagnia presente in Italia con parecchi aerei che fanno base in molti aeroporti italiani. Anche in questo caso potete candidarvi direttamente da internet attraverso il loro sito. Cercano assistenti di volo in parecchie città in tutta Europa.

Vueling: compagnia low cost spagnola sbarcata già da un po’ di anni in Italia ha basi in vari aeroporti italiani. Andando sulla loro pagina c’è la lista delle selezioni aperte al momento.

Volotea: i fondatori di Vueling hanno poi creato quest’altra compagnia low cost che opera anche in Italia. Cercano assistenti di volo sia certificati che non.

Fare l’assistente di volo all’ estero

per vivere al meglio l’esperienza di questo tipo di lavoro si può provare a fare domanda per alcune compagnie che hanno base all’ estero. Quelle degli Emirati Arabi cercano esclusivamente personale straniero. Ci sono Qatar, avete base a Doha, e Emirates con base Dubai.

Se volete rimanere in Europa con base Parigi c’è Air France, francese perfetto richiesto e British Airways con base Londra. In questo momento anche Norwegian, compagnia norvegese, si sta espandendo parecchio.

C’ è anche un portale specializzato che offre tutte le opportunità del mondo per lavorare sugli aerei, dategli un’occhiata.

Fare l’assistente di terra

se non vi piace volare ma preferite lavorare a terra in aeroporto ci sono tanti lavori pronti per voi. C’è il rampista, ovvero colui che si interfaccia fra aereo e aeroporto, addetti al check in, addetti all’ assistenza passeggeri. Vi può assumere la compagnia oppure l’handling, chi si occupa di servizi aeroportuali. A Roma c’è ADR, Aeroporti di Roma a Milano la SEA. Date sempre un’occhiata ai portali dei vari aeroporti italiani per cercare un “job vacancies”.


Se ti è piaciuto Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Una risposta

  1. vanessa ha detto:

    faccio la hostess da quasi 20 anni, non dico di quale compagnia, potete immaginare…il lavoro , seppur ancora bello , è cambiato tantissimo. La maggiorparte delle compagnie non fa fare soste, quindi è come fare l’impiegato, con la differenza che vivete in un ambiente malsano, a 12.000 metri, esposti a radiazioni solari costantemente. Se quindi decidete, per un breve tempo secondo me, di fare questa professione, scegliete solo compagnie aeree che vi permettono di fare soste, almeno avrete la possibilità di vedere un po’ di mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.