Elenco Criptovalute 2018 Le migliori



Le criptovalute sono salite alla ribalta della cronaca grazie al Bitcoin. Chi ha investito una buona somma di denaro in questa moneta elettronica anni fa, mantenendola in portafoglio, si ritrova ora ad essere ricco. Il Bitcoin però sta diventando sempre più difficile da “minare“. Ovvero per creare un’unità monetaria necessitiamo di computer molto potenti che assorbono talmente tanta energia da rendere poco profittevole questo processo. Insomma chi vuole il Bitcoin lo deve comprare.

Quali sono le alternative migliori al Bitcoin? Su quale criptovaluta investire? Ci sono tantissime criptovalute più semplici da minare e che possono crescere nel tempo probabilmente anche in modo maggiore. Che abbiate voglia di fare un invesimento o siete alla ricerca di monete da spendere subito per gli acquisti ecco l’elenco delle migliori criptovalute da minare del 2018.

Litecoin

è una valuta Internet peer-to-peer che consente pagamenti istantanei nel mondo. Litecoin è una rete di pagamento globale open source completamente decentralizzata . Rispetto a Bitcoin offre tempi di conferma delle transazioni più rapidi e una migliore efficienza di archiviazione.  La differenza degna di nota tra le due criptomonete è che i blocchi Bitcoin vengono creati ogni 10 minuti, quelli Litecoin ogni 2,5 minuti. Questo significa che le transazioni Onchain sono più veloci su Litecoin. La blockchain Litecoin è in grado di gestire un volume di transazioni più elevato rispetto a Bitcoin. A causa della velocità maggiore nella generazione di blocchi la rete è in grado di supportare più transazioni senza la necessità di modificare il software in futuro. Di conseguenza i commercianti ottengono tempi di conferma più rapidi dei pagamenti, avendo anche la possibilità di attendere ulteriori conferme quando vendono articoli più costosi. Lo svantaggio è che è più costosa l’installazione di un full node.

MIGLIORI-CRIPTOVALUTE

La crittografia del Wallet ti consente di proteggere il tuo portafoglio in modo da poter visualizzare le transazioni e il saldo del tuo account, ma devi inserire la tua password prima di spendere i litecoins. Ciò fornisce protezione dai virus e dai trojan che rubano i portafogli, nonché un controllo di integrità prima di inviare i pagamenti.
I “miners”, coloro che minano per creare moneta, sono attualmente premiati con 25 nuovi litecoin per blocco, un importo che viene dimezzato all’incirca ogni 4 anni (ogni 840.000 blocchi). La rete Litecoin è quindi programmata per produrre 84 milioni di litecoins, ovvero 4 volte più unità rispetto al Bitcoin.

Dash

Dash (ex Darkcoin) è una valuta digitale open source basata su Bitcoin incentrata però su una maggiore privacy con transazioni istantanee. Ti consente di mantenere le transazioni finanziarie in forma anonima, con una maggiore segretezza.  I pagamenti vengono ricevuti immediatamente in tutto il mondo grazie a InstantX in appena 4 secondi.
Utilizza una rete decentralizzata, quindi nessuna terza parte centralizzata a cui appoggiarsi, la crittografia è avanzata e usa una rete a 2 livelli per una sicurezza completa.

Ethereum

L’emergere di Ethereum Classic ha creato un’enorme opportunità per i minatori. ETC è attualmente uno delle criptovalute più interessanti e redditizie. Come “minatore” è nel interesse sostenere ETC perché la Fondazione Ethereum sta per abbandonare i suoi miners molto presto, passando al modello sperimentale di PoS. Ethereum Classic continuerà a utilizzare modelli di sicurezza PoW robusti e testati nel tempo, premiando i minatori per garantire il futuro della catena originale. Differenza tra ethereum classic (ETC) e ethereum (ETH): la prima è una replica, un clone di quella originale, usa una blackchain differente.

Feathercoin

altra criptomoneta libera da qualsiasi banca centrale o istituzione. I pagamenti sono senza confini e possono essere elaborati da chiunque disponga di hardware per computer a prezzi accessibili utilizzando software gratuito. Questo lavoro è ricompensato con nuovi feathercoin che sono emessi dalla rete. Feathercoin è basato su NeoScrypt e implementa molte funzionalità non presenti nella maggior parte delle monete crittografiche. I minatori ottengono 80 token per blocco minato e attualmente nel mondo ci sono 336 milioni di Feathercoins.

Monero

sembra che questa criptomoneta sia appena arrivata in questo mondo, per la verità è in giro da oltre 3 anni. Monero è una criptovaluta sicura, privata e non rintracciabile, open source e accessibile a tutti. Se lo spiego alle persone, la maggior parte delle volte la paragono a Bitcoin ma con transazioni completamente invisibili. E’ da tenere sott’occhio perchè gli sviluppatori non hanno mai pre-minato monete o ha preso una grande quantità di ICO per riempire le loro tasche.
Per una transazione puoi condividere la tua chiave pubblica con le persone senza il timore che qualcuno guardi i tuoi fondi usando un blockscanner da qualche parte.
A livello IP Monero usa Kovri . Una tecnica per impedire agli altri di fare lo “sniffing” dei dati in rete. In questo modo è ancora più impossibile capire chi ha effettuato una transazione e a che ora.
Monero offre un blocco dinamico . Se più persone usano Monero e sono necessari blocchi più grandi,i minatori aumenteranno il blocco in seguito a un calcolo molto chiaro che non può essere messo in dubbio da nessuno.
Con un nuovo blocco ogni 2 minuti la transazione dovrebbe essere confermata più velocemente rispetto al tempo di blocco di 10 minuti utilizzato da Bitcoin.

Peercoin

è la criptomoneta più sicura al costo più basso che premia tutti i possessori dando loro un rendimento annuale PPC dell’1% al momento del conio. Peercoin è una delle monete alternative davvero uniche. Sebbene il suo codice sia basato su Bitcoin, è la prima moneta digitale che introduce Proof of Stake per proteggere la rete. Proof of Work viene anche utilizzato in Peercoin, per promuovere una distribuzione equa delle monete, ma non è necessario per la sicurezza della rete.

Peercoin utilizza lo stesso algoritmo di mining di Bitcoin, noto come SHA-256. Qualsiasi hardware che funzioni sulla rete Bitcoin può essere utilizzato anche per estrarre Peercoin. La ricompensa per il mining di un blocco diminuisce gradualmente man mano che la potenza di calcolo della rete cresce. Nel tempo, l’attività mineraria avrà un impatto sempre minore sulla crescita dell’offerta di moneta.

Ripple

sebbene Ripple condivida alcune caratteristiche simili con Bitcoin, è un progetto molto diverso. Come criptovaluta, utilizza la crittografia per proteggere le transazioni, ma in realtà non ha una blockchain pubblica.

Al contrario, ha una rete di nodi che convalidano le transazioni, ma questi non sono necessariamente peer to peer anonimi, bensì ci sono di mezzo banche e istituzioni finanziarie . Le monete di Ripple, conosciute semplicemente come Ripple o XRP, non sono state minate al conio, ma semplicemente emesse.

E a differenza di Bitcoin che esiste in virtù di una rete distribuita di partecipanti, Ripple non è solo il nome della moneta, è anche il nome della società che ha sviluppato il protocollo.

Ripple può essere vista come una propria piattaforma indipendente che potrebbe anche integrare il Bitcoin e altre reti di criptovaluta. Ad esempio, è possibile memorizzare, inviare e ricevere altre valute sulla rete di Ripple. Questi saldi sono tenuti in conti, a differenza di XRP, che è la valuta nativa senza rischio di controparte.

Il progetto Ripple in realtà pre-data la blockchain Bitcoin, e la loro missione fin dall’inizio non era quella di offrire un’alternativa al sistema finanziario mondiale, ma piuttosto di aggiornarlo e portarlo fuori dai periodi bui.

L’infrastruttura di pagamenti globale è stata costruita prima che Internet diventasse commercialmente diffusa. Il regolamento interbancario dei pagamenti chiave avviene sulla rete internazionale SWIFT e anche su alcune reti nazionali più piccole più localmente.

Come minare una cripovaluta

l’attività di “mining”, ovvero di creazione di una criptovaluta, richiede computer molto potenti con conseguente elevato assorbimento di energia elettrica. In pratica non c’è convenienza nel mining, a meno che non paghiate veramente poco l’elettricità. Ad ogni modo potete mettere in condivisione il vostro Pc mentre lavorate e creare criptovalute tramite l’applicazione Miner-Gate.

Questo programma consente di condividere parte delle risorse del proprio computer per produrre Ethereum. Per prima cosa bisogna installare il programma. Durante l’installazione,assicuriamoci di selezionare l’opzione . Una volta avviato il miner, clicchiamo su Create Account ed effettuiamo la registrazione utilizzando l’email personale. Al termine verrà mostrato il messaggio che lo “smartmining” è attivato.

Per verificare se il computer è abbastanza potente per minare la criptovaluta, andiamo in Benchmark e clicchiamo su Start Benchmark. Precisiamo però che occorre un hardware molto potente per “estrarre” le criptomonete, come sistemi con doppia GPU e processori multicore di ultima generazione. Per produrre le criptomonete andiamo quindi in Miner. da qui possiamo scegliere la criptomoneta che ci interessa. Per avviare la produzione di Ethereum, ad esempio, clicchiamo su Start mining accanto al simbolo ETH. Possiamo scegliere il numero di CPU/GPU da assegnare alle operazioni di mining. Dal menu View sì possono deselezionare le criptomonete che non interessano per visualizzare solo quella che stiamo minando.

Dove comprare criptomonete

la cosa piú semplice è comprare criptomonete da chi le detiene. Se sei interessato all’acquisto di Bitcoin o di una delle altre criptovalute più conosciute, la soluzione migliore è CoinBase, che supporta anche Bitcoin Cash, Ether e Litecoin. E’ facile da usare e ampiamente affidabile, anche se occasionalmente non è attivo quando il trading è particolarmente frenetico.

Puoi scaricare l’app Coinbase sul tuo telefono o creare un account su coinbase.com.  Successivamente devi toccare il pulsante “Acquista” sull’app o facendo clic sulla scheda Acquista / Vendi sul sito web. Da qui, puoi connettere una carta di debito o di credito per piccoli investimenti o aggiungere il tuo conto bancario per acquisti e vendite più grandi che potrebbero richiedere 4-5 giorni per l’elaborazione. La commissione sull’ acquisto è del 3% se paghi con carta di credito o dell 1,49% con cc bancario.

Se vuoi comprare Ripple o una delle altre criptovalute emergenti, dovrai guardare oltre Coinbase . Una delle opzioni più popolari è Kraken , che supporta Bitcoin ed Ether, insieme a valute più piccole come Ripple e Stellar.

Dove conservare le criptomonete – il Portafoglio

Una delle considerazioni più importanti da fare come investitore di criptomonete, bitcoin è una delle tante è dove conservarle. E’ quindi necessario conoscere quali sono i migliori portafogli, wallet, per tenerle al sicuro.
Usi un portafoglio collegato a un “exchange”? Utilizzi un wallet gestito da un software locale oppure hai a disposizione un hardware specificamente progettato per mantenere le tue monete al sicuro? Esistono varie soluzioni per costruire un portafoglio per le criptovalute e tutti hanno i loro vantaggi e svantaggi.

Wallet online

L’opzione migliore per chi ha appena iniziato con bitcoin, i portafogli online ti consentono di archiviare la tua criptovaluta in un luogo facilmente accessibile da qualsiasi parte del mondo, su qualsiasi dispositivo tu scelga. Spesso collegati a uno servizio di compravendita, fanno normalmente trading per valute legali (come il dollaro USA o l’euro), o altre criptovalute. Facili e veloci, sono semplici da configurare e vanno bene per iniziare. Molti dispongono anche di app per smartphone per offrirti un accesso più facile.
La maggior parte di questi portafogli online offre una sicurezza buona in termini di autenticazione. In molti casi richiedono documento e foto per confermare la propria identità. Ciò significa che c’è meno anonimato con questo tipo di wallet rispetto ad altre soluzioni.
Questi portafogli però ti rendono più dipendente da terzi per il supporto. Se lo scambio viene violato e perde tutti i suoi fondi , è probabile che quei soldi vadano persi. Se lo scambio viene colpito da un attacco DDOS, potresti non essere in grado di accedere alle tue valute. Poiché il tuo bitcoin è memorizzato in remoto, gli hacker potrebbero essere in grado di rubarti la tua identità e accedere al tuo account.

Wallet software Portafoglio desktop

I portafogli software offline, a volte chiamati “portafogli desktop”, conservano ancora parte della facilità d’uso e accesso. Alcuni sono specificatamente destinati all’uso su PC desktop e laptop, mentre altri hanno un focus più mobile e hanno app esclusive.
Il grande vantaggio di questo approccio è l’indipendenza. La tua identità è protetta, senza bisogno di registrarti da nessuna parte o fornire una qualche forma di identificazione per configurare o accedere al tuo portafoglio.
Se hai un’applicazione mobile companion, puoi trasferire bitcoin facilmente tra te e altri proprietari e persino usarli per pagare determinati articoli nei negozi del mondo reale.

Questo non vuol dire che questi tipi di portafogli siano perfetti. Sono ancora basati su software, quindi sono suscettibili di attacchi da parte di hacker e malware. Quelli con un componente online per la facilità di negoziazione sono anche più pubblici rispetto alle alternative hardware (cold storage) completamente offline. Se stai conservndo molti bitcoin potresti attirare un’attenzione indesiderata.

Esodo è un’applicazione che supporta una varietà di criptovalute – bitcoin, Ethereum, Litecoin e altro – con una forte funzionalità di privacy e sicurezza . Exodus è completamente gratuito. È dotato di funzionalità incorporate di ShapeShift per un facile inter-trading di varie criptovalute, grafici e tracker in tempo reale ed è compatibile con Windows, Mac e Linux. Tuttavia, al momento manca l’autenticazione a due fattori.

Wallet hardware

Per coloro che vogliono avere la massima sicurezza il portafoglio hardware è un must. Memorizzando il bitcoin su un determinato componente hardware , non connesso a Internet, puoi essere sicuro che nessuno sarà in grado di rubare le vostre criptomonete.
Un portafoglio hardware può essere semplice come un disco rigido esterno o una dispositivo Usb con uno dei suddetti portafogli software installati, o un dispositivo appositamente predisposto utilizzato solo per la memorizzazione della criptovaluta. In entrambi i casi, è necessario essere sicuri della sua posizione fisica, alcuni suggeriscono di conservarli in un posto sicuro .
Questi portafogli possono essere collegati a qualsiasi computer in modo da poter trasferire facilmente i fondi, per effettuare transazioni . Non sono particolarmente costosi, possono raggiungere prezzi di 100-150 euro .

Se ti è piaciuto Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

2 Risposte

  1. paola ha detto:

    Salve a tutti, sono una new entry e da poco mi sono interessata alle cryptovalute. Vorrei cercare di comprare e, leggendo fra i vari blog e forum del settore mi sono imbattuta nelle recensioni di Ripple e Coinbase che dicono siano le migliori. Ora, io sono una neofita che vorrebbe iniziare a giocare.. cosa mi consigliate voi esperti? Quale è la migliore fra le due? Oppure ce ne sono altre da tenere in considerazione? E poi, voi cosa comprereste ad oggi visti i ribassi di questi ultimi giorni? C’ è un investimento minimo, tipo non so 1000 euro? grazie

  2. francesco currency ha detto:

    dipende cosa devi fare paola. Innanzitutto non c’è un minimo per investire, puoi anche compare poche centinaia di euro, ovviamente prende una parte infinitesimale di Bitcoin. Se devi fare trading coinbase è buona ma un po’ cara se invece vuoi lasciare i tuoi “soldi” nel wallet puoi usare bitit.io

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.