I Cinque Modi per Rimanere Senza Soldi quando si è in Pensione



L’età pensionabile si sposta sempre più in là, saremo costretti a lavorare fino alla soglia di 70 anni peraltro senza nessun tipo di garanzia. Con la riforma Monti-Fornero del 2011 le cose sono cambiate, peggiorate, rispetto a come eravamo abituati. Gli importi delle nostre pensioni infatti saranno commisurati a quanto versato, ovvero maggiore sarà il contributo, più alto sarà l’importo della pensione percepita.

L’Inps ha messo anche a disposizione un software, scaricabile nel suo portale per sistemi Windows, per calcolare la pensione. Va installato e lanciato, dopo aver riempito le varie caselle con gli importi che avete versato verrà visualizzato l’importo previsto in base all’ età. Il sospetto è che al termine della nostra carriera lavorativa avremo tutti la “pensione sociale”, la “minima”, perchè non avremo versato abbastanza.

Chi ha la possibilità potrebbe “integrare” il proprio assegno pensionistico con una piccola rendita che aiuti a vivere meglio, ed è proprio di quello che oggi parleremo, di cinque modi per Rimanere Senza Soldi quando si è in Pensione.

Crearsi una rendita con un’Assicurazione

ne avevo già parlato in un precedente articolo delle Assicurazioni sulla Vita. Io stesso ne avevo stipulata una previdenziale, ma 20 anni fa, prima del 2000, quando la convenienza era legata alla possibilità di portarle in detrazione e quando l’aspettativa di vita era più breve.

Ci sono comunque 10.000 tipi di prodotti assicurativi sul mercato. In breve: versate un importo fisso o variabile nel corso degli anni. Al termine della durata della polizza, 20ennale, 30ennale ecc, potete scegliere se ritirare i soldi versati o avere una rendita per tutta la vita. Il capitale che mano mano versato viene investito in fondi che possono essere monetari, obbligazionari, azionari, a seconda del rischio scelto. Non è escluso quindi che vi ritroviate con meno di quello che avete versato.

rendita_pensione

Voi volete sapere quanto è l’importo da disporre al mese quando si è in pensione, giusto? Beh, nel mio caso una polizza di 25 anni, iniziata quando ne avevo 23, a 48 anni mi da’ circa 230 euro al mese, con un versamento che all’ inizio era di 2.400.000 lire (1200 euro) e alla fine era arrivato a 1800 euro l’anno. Ovviamente ora la mia scommessa è quella di campare fino a 100 anni! Per avere la rendita, io ho scelto di prelevarla ogni sei mesi, dovete produrre un certificato di esistenza in vita che mi costa ogni volta 16 euro in bolli!

Crearsi una rendita comprando una Casa

se avete un po’ di soldi da parte l’idea di compare un abitazione per affittarla e avere una rendita è quella più gettonata. Il Governo però negli ultimi 10 anni ha completamente bastonato i proprietari di immobili. Le tasse sono altissime. Le seconde case pagano un IMU molto salata.

Sull’affitto percepito c’è da pagare la cedolare secca del 21%, in piu’ dovete mettere conto il rischio morosità (la casa non la rivedete più per anni visto le lungaggini delle cause civili). Le spese condominiali extra in più sono a vostro carico.

Potreste anche pensare di investire 5000 euro e realizzare un impianto fotovoltaico per la vostra casa avendo così gratis elettricità per il resto della vostra vita. L’investimento iniziale, anche senza conto energia, si recupera in 8 anni con i prezzi attuali.

Affittare una porzione della Propria Casa

qui già va meglio perchè la casa la potete controllare voi. Se affittate una stanza e se l’inquilino è moroso non dovrebbe essere difficile cacciarlo, in più le tasse rimangono come prima casa. Cedolare secca sempre al 21%.

Ideale per chi ha case in città universitarie, potremo affittarla a studenti fuori sede che la impegnano per la durata dei loro corsi.

La Nuda Proprietà

se avete a disposizione di un immobile e non intedete lasciarlo ai figli, magari non li avete, potete vendere la Nuda Proprietà. Si chiama così perchè chi acquista è un Proprietario che non può disporre della sua proprietà, per questo è “nudo”. Voi siete l’usufruttuario e potete disporre della casa finchè siete in vita. Quando morirete il bene passerà al nudo proprietario.

Ovviamente la vostra casa ha un valore tanto più alto quanto siete anziani. Difficile vendere ad un buon prezzo quando avete 50 anni.

Andare all’ estero a vivere quando si è in Pensione

vi invito a guardare questo servizio delle Iene del simpatico Enrico Lucci. Molti nostri pensionati sono andati a vivere in Bulgaria, a Sofia, perchè si può vivere anche con 400-500 euro al mese, costo della vita il 60 percento in meno. 70 euro per affittare una casa, spese alimentari al minimo, pane a 25 centesimi di euro al mese.

 

Se ti è piaciuto Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.