Riscaldamento Radiante e Solare Termico per non pagare più il gas



Solitamente chi intende ristrutturare casa lo fa in questo periodo, primavera-estate (ci sono ancora le detrazioni al 36 percento) ed io sono andato a dare una mano ad un mio amico nel fare dei piccoli ritocchi nel suo appartamento. Niente di particolare, ma sono entrato in contatto con un nuovo metodo per riscaldare la casa che non conoscevo. Ripensandoci non mi capacitavo di come in qualche casa del nord Europa che avevo visitato anni prima facesse tutto quel caldo senza la presenza di nessun termosifone. Chiaro, avevano il riscaldamento radiante detto a pavimento. Di questo voglio parlarvi, di come il mio amico quest’inverno non pagherà la bolletta del gas relativa al riscaldamento, avendo un risparmio energetico generale di proporzioni inaudite.

Funzionamento del riscaldamento radiante:
come vedete in foto si tratta di installare per tutta casa una serpentina di tubi in polietilene sotto il pavimento. Verranno ricoperti con un leggero massetto su cui verrà successivamente posato il pavimento od il parquet (dopo farò un inciso sul parquet). All’ interno dei tubi scorrerà acqua oppure un mix di composti tra cui il glicole propilenico. Questo liquido viene riscaldato da una caldaia e poi passa il calore alla casa con diffusione radiante.

Dove sta il risparmio energetico del riscaldamento radiante?
Normalmente per i termosifoni l’acqua deve essere portata a 70-80 gradi, qui per avere 18-19 gradi in casa basta portare l’acqua ai tubi a 30 gradi. C’è differenza. Questa differenza si noterà ovviamente sulla bolletta del gas, ma non solo. L’irraggiamento radiante di questo tipo di riscaldamento fa sì che nella casa non ci saranno zone in cui fa troppo caldo (com’era ad esempio prima con i termosifoni) o troppo freddo quando ci si allontanava dai radiatori.

Come si fa ad avere il riscaldamento senza il gas, a zero bolletta?
Qui entrano in scena i pannelli solari. Il mio amico ha installato sul tetto un impianto solare termico con un boiler credo da 200 litri. L’acqua calda per il riscaldamento arriverà da qui, ma non solo, servirà anche per i sanitari, doccia e rubinetti della casa.

Ma quando d’inverno il sole tramonta alle 17 oppure piove per 7 giorni di fila? Il tecnico mi ha detto che il boiler riesce a mantenere l’acqua calda per parecchio tempo visto che è coibentato, in ogni caso, ad esempio la notte, se la temperatura cala di molto la centralina intelligente fa accendere la caldaia a gas. Insomma non proprio a zero bolletta, ma quasi.

Inciso per il riscaldamento radiante e parquet:
ho chiesto all’ installatore se il riscaldamento radiante si potesse mettere anche sotto i pavimenti in legno. Mi ha detto di sì, bisogna che sia però flottante, ovvero non deve essere incollato, ma dobbiamo lasciare un po’ di fuga vicino al battiscopa per far sì che si “muova”. Non tutti i tipi di legno in ogni caso sono adatti.

Certo, i prezzi per installare un riscaldamento radiante non sono pochi, ma l’investimento si ripaga nel tempo. Lo sapete di quanto è aumentato il costo del gas in Italia tra il secondo semestre 2009 e il secondo semestre 2010? Del 47%, fonte Eurostat. Quindi aspettiamoci il solito salasso sulla bolletta.

Fonti: riscaldamento a pavimento

Se ti è piaciuto Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

2 Risposte

  1. 19 novembre 2012

    […] i caloriferi con un intervento un po’ posticcio, come migliorare le prestazioni con il riscaldamento a pavimento, ora concentriamoci su altri aspetti per non dover ricevere bollette di centinaia di […]

  2. 19 aprile 2015

    […] calda per docce, sanitari e cucina. Questo sistema se perfezionato può essere utilizzato anche per riscaldare la casa con il riscaldamento radiante, ne abbiamo […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.